Domicilio digitale (ex PEC): entro il 1° ottobre 2020 obbligo di comunicazione per le imprese

Per portare a termine il processo di digitalizzazione nei rapporti tra le PA, le imprese ed i professionisti, l’art. 37 del D.L. 76/2020 (Decreto Semplificazioni) prevede l'obbligo per tutte le imprese di comunicare telematicamente al registro imprese il proprio domicilio digitale (già PEC), entro il 1° ottobre 2020.

In caso di mancata comunicazione del domicilio digitale al registro imprese, sono previste pesanti sanzioni per i soggetti inadempienti.

Le imprese sono invitate a: 

  1. verificare il corretto funzionamento del proprio domicilio digitale (ex PEC)
  2. controllare la corretta iscrizione del domicilio digitale (ex PEC) al Registro Imprese. 
  3. in mancanza di un domicilio digitale (ex PEC) attivo richiederlo ad un gestore autorizzato (vedi elenco)
  4. comunicarlo al Registro Imprese tramite la procedura semplificata e totalmente  gratuita “Pratica Semplice - iscrizione PEC” disponibile online al seguente indirizzo web: https://ipec-registroimprese.infocamere.it/ipec/do/Welcome.action  (per l'invio della pratica il titolare o il rappresententante legale devono essere in possesso di un dispositivo di firma digitale

Come verificare l’iscrizione del domicilio digitale (ex PEC) al Registro Imprese 

  • Consultare una visura aggiornata dell’impresa, scaricabile gratuitamente dal cassetto digitale dell'imprenditore (si accede con SPID o CNS)  
  • ricercare l’impresa sul sito www.registroimprese.it (ricercare con nome impresa) e fleggare “non sono un robot” in corrispondenza del campo PEC.

Azioni sul documento

contenuto aggiornato il 05/10/2020