Criteri di arrotondamento

L'importo del diritto annuale da versare deve essere arrotondato all'euro.

L'applicazione della riduzione del 50% genera, talvolta, degli importi con decimali.

Per il calcolo del diritto annuale in base al fatturato devono essere applicate le aliquote definite dal decreto interministeriale 21 aprile 2011 

Per il corretto calcolo degli arrotondamenti si deve fare riferimento alla nota del Ministero dello Sviluppo Economico n. 19230 del 03.03.2009:

  • si devono mantenere, nella sequenza di calcolo, cinque cifre decimali; 
  • gli importi complessivi così determinati vanno poi ridotti del 50%
  • l'importo complessivo ottenuto deve essere incrementato del 20%
  • l'importo complessivo ottenuto deve essere arrotondato al centesimo di euro
  • l'importo finale da versare deve essere arrotondato all'unità di euro, (per eccesso se la prima cifra dopo la virgola è uguale o superiore a 5; per difetto se la prima cifra dopo la virgola è inferiore a 5).
Esempio 1: Impresa individuale iscritta nella sezione speciale, che versa un importo fisso, con una unità locale
Il diritto annuale per impresa individuale iscritta in sezione speciale è di euro 52,80 (importo già ridotto del 50% e incrementato del 20%).
Se questa impresa ha nella stessa provincia anche una unità locale, il diritto annuale dell'unità locale è di € 10,56 (20% di euro 52,80).

L'importo dovuto è pari a € 52,80 + 10,56 = € 63,36 che arrotondato, porta a un diritto annuale da versare mediante F24 pari a € 63,00.
Esempio 2: Impresa iscritta nella sezione Ordinaria, che versa in base al fatturato, con due unità locali.
L'impresa ha dichiarato per l'anno precedente un fatturato di € 2.610.596.

L'impresa calcola, per la sede legale, un importo base derivante dal seguente sistema di calcolo:
su 100.000,00 euro di fatturato - 1° scaglione € 200,00
su 150.000,00 euro di fatturato - 2° scaglione lo 0,015% ovvero € 22,50
su 250.000,00 euro di fatturato - 3° scaglione lo 0,013% ovvero € 32,50
su 500.000,00 euro di fatturato - 4° scaglione lo 0,010% ovvero € 50,00
su 1.610.506,00 euro di fatturato - 5° scaglione lo 0,009% ovvero € 144,95364
Per un totale complessivo di diritto annuale base pari a € 449,95364

Per ciascuna unità locale è dovuto un diritto base pari al 20% del diritto base determinato per la sede legale (arrotondato al quinto decimale), al netto di eventuali maggiorazioni, nel rispetto del tetto fissato dal Decreto ministeriale.
Per le due unita locali situate nella medesima provincia della sede legale il diritto base ammonta pertanto a: 
449,95364 x 20% = 89,99073 x n. 2 UL = 179,98146

Il diritto complessivamente dovuto per la sede e le due unità locali ammonta a:
449,95364 + 179,98146 = 629,93510 

Tale importo ridotto del 50% è pari ad € 314,96755, che incrementato del 20%  porta ad un totale di € 377,96106 che arrotondato al centesimo è pari a € 377,96. Pertanto l'importo da versare con F24, arrotondato all'unità è pari a: € 378,00
archiviato sotto:

Azioni sul documento

contenuto aggiornato il 03/06/2020

A CHI RIVOLGERSI

Diritto Annuale

Piano terra
PADOVA, Piazza Insurrezione XXVIII aprile '45, 1A

Orari

apertura al pubblico da lun a ven 9.00-12.30

Telefono

049.82.08.217

Fax

049.65.03.15

CALCOLA E PAGA

Utilizza il portale dedicato "Il diritto annuale camerale" 

Portale diritto annuale calcola e paga

Clicca su "Calcola e paga": inserisci il codice fiscale e il fatturato (ove richiesto) e ottieni mediatamente:

  • l'importo del diritto annuale da versare
    • -> il fac simile dell'F24 oppure
    • -> puoi pagare direttamente online (con carta di credito) tramite pagoPA, senza necessità di utilizzare il modello F24 (Faq Agid PagoPA