Importi 2020 e modalità di versamento del diritto annuale

Il MISE, Ministero dello Sviluppo Economico, per l'anno 2020 ha confermato gli importi dell'anno precedente (riduzione del 50% del diritto annuale determinato per l'anno 2014) - Decreto MISE 0347962 del 11.12.2019.
Il decreto ministeriale del 13 marzo 2020 (in vigore dal 27 marzo 2020) autorizza per gli anni 2020, 2021 e 2022 l'incremento della misura del diritto annuale del 20 per cento (comma 10 articolo 18 legge 29.12.1993 n. 580, come modificato dal d.lgs. 25 novembre 2016, n. 219) per il finanziamento dei progetti indicati nelle deliberazioni dei Consigli camerali elencate nell'allegato "A" del medesimo decreto.

Integrazione per nuove iscrizioni

L’aumento del 20% si applica a tutte le imprese ed unità locali, comprese le prime iscrizioni a far data dal 01/01/2020. Pertanto, le imprese ed unità locali che, in sede di iscrizione 2020, avessero versato l’importo provvisorio privo di maggiorazione prima del 27/03/2020, sono tenute al versamento della differenza entro il termine del 30/11/2020 come stabilito dallo stesso decreto.

Imprese di nuova iscrizione

Le imprese di nuova iscrizione, nella sezione ordinaria o nelle sezioni speciali del Registro Imprese, sono tenute a versare il diritto annuale alla presentazione della domanda di iscrizione. Per le pratiche telematiche l’importo del diritto viene pagato direttamente con il sistema Telemaco, diversamente va allegata alla domanda copia informatica scansionata del modello F24.

Il versamento va effettuato:
utilizzando il modello F24   alla  sezione: "Imu ed altri tributi locali"
-> codice ente per la camera di commercio di Padova: PD
-> codice tributo: 3850
-> anno di riferimento: 2020

Gli importi dovuti per le imprese e unità locali che si iscriveranno nel corso dell'anno 2020 sono quelli indicati nella tabella sottostante:

Imprese individuali

Tipo di impresa

Importo Sede

Importo
Unità Locale 

Imprese individuali iscritte o annotate nella sezione
speciale 
(piccoli imprenditori, artigiani, coltivatori diretti
e imprenditori agricoli) 
€   53,00 € 11,00 * 
Imprese individuali iscritte nella sezione ordinaria del Registro Imprese € 120,00 € 24,00

(*) L'importo dovuto per la sede è di € 52,80 arrotondato ad € 53,00; l'importo dovuto per ciascuna unità locale è di € 10,56 arrotondato ad € 11,00; nel caso di iscrizione della sede e di una o più unità locali l'arrotondamento all'unità di euro deve avvenire al termine del calcolo, per eccesso se uguale o superiore a 0,50 € per difetto se inferiore a 0,50.

Società di persone, di capitali, cooperative e consorzi 

Tipo di impresaImporto       Importo
Unità Locale 
Società semplici agricole €    60,00  € 12,00
Società semplici non agricole €  120,00 € 24,00
Cooperative e consorzi €  120,00 € 24,00
Enti pubblici e privati, Aziende speciali e consorzi €  120,00 € 24,00
Società di persone (SNC, SAS) €  120,00 € 24,00
Società di capitali (SRL, SPA) €  120,00 € 24,00
Società tra avvocati €  120,00 € 24,00
Impresa con sede all'estero (per ciascuna unità locale/sede secondaria) -- € 66,00
Soggetti iscritti solo nel REA

I soggetti iscritti esclusivamente al REA sono tenuti al pagamento per la sola sede.

Soggetti iscritti solo nel REAImporto
Soggetti iscritti solo nel REA (associazioni, fondazioni, comitati, organizzazioni religiose, ecc.) € 18,00

Imprese già iscritte al Registro Imprese

Imprese iscritte che versano un importo fisso

Tipo di impresaImporto da pagare
Imprese individuali iscritte o annotate nella sezione speciale (piccoli imprenditori, artigiani, coltivatori diretti e imprenditori agricoli) €   53,00
Imprese individuali iscritte nella sezione ordinaria del Registro Imprese € 120,00
Società semplici agricole €   60,00
Società semplici non agricole € 120,00
Società tra professionisti € 120,00
Soggetti iscritti solo nel REA (associazioni, fondazioni, comitati, organizzazioni religiose, ecc.) €   18,00

Imprese iscritte che versano in base al fatturato 2019

Sono le imprese iscritte nella Sezione ordinaria del Registro Imprese che comprendono anche le Cooperative, i Consorzi, le Società di persone (Snc e Sas) e le Società di capitali (Spa e Srl).

Da euroA euroAliquote (%)
0 100.000 € 200 (misura fissa)
Oltre 100.000 250.000 0,015%
Oltre 250.000 500.000 0,013%
Oltre 500.000 1.000.000 0,010%
Oltre 1.000.000 10.000.000 0,009%
Oltre 10.000.000 35.000.000 0,005%
Oltre 35.000.000 50.000.000 0,003%
Oltre 50.000.000   0,001% (fino a un massimo di € 40.000)
Modalità di calcolo in base al fatturato e criteri di arrotondamento
  • individuare il fatturato 2019 e applicare le aliquote definite dal decreto interministeriale 21 aprile 2011 (vedi tabella che segue);
  • calcolare l’importo base ministeriale per la sede (mantenere cinque cifre decimali): si sommano gli importi dei singoli scaglioni fino a quello in cui si trova il fatturato dell’impresa;
  • calcolare l’importo base ministeriale per l’unità locale (mantenere cinque decimali), come 20% di quello per la sede, con il massimo di € 200,00.
  • al risultato precedente, applicare la riduzione del 50% e su quanto ottenuto applicare la maggiorazione del 20% (decreto ministeriale 12.03.2020), mantenendo sempre cinque decimali;
  • arrotondare quanto ottenuto
    • prima al centesimo
    • poi all'unità di euro (per eccesso se la prima cifra dopo la virgola è uguale o superiore a 5, per difetto se la prima cifra dopo la virgola è inferiore a 5):si otterrà l’importo da indicare nel modello F24 per la CCIAA di Padova
Esempi modalità di calcolo e i criteri di arrotondamento

Unità locali e sedi secondarie

Le unità locali versano il 20% di quanto versa la sede fino a un massimo di € 120,00. 
Le unità locali di imprese con sede principale all'estero e le sedi secondarie di società con sede principale all'estero versano € 66,00. 

Determinazione della base imponibile per il calcolo del diritto annuale

E' opportuno precisare che nelle norme e circolari riguardanti il diritto annuale per "fatturato" s'intendono i ricavi a fini IRAP e non l'insieme della fatture di vendita emesse in un determinato periodo (non si fa quindi riferimento a dati contenuti nelle dichiarazioni IVA). 

L'ammontare del fatturato va ricavato dai quadri del modello IRAP 2020 sulla base della seguente tabella (nota del Ministero dello Sviluppo Economico n. 19230 del 03.03.2009).

Modello Irap Società di capitali
  • Quadro IC Modello IRAP 

    Tipo di impresaQuadro IC Modello IRAP da utilizzare
    Imprese industriali e commerciali Quadro IC - Sezione I: Rigo IC1 + rigo IC5
    Società di capitali la cui attività consiste nella assunzione di partecipazioni in 
    società diverse da quelle creditizie o finanziarie
    Quadro IC - Sezione I: Rigo IC1 + rigo IC5 + Rigo IC15 della Sezione II
    Banche e altri soggetti finanziari Quadro IC - Sezione II: Rigo IC15 + rigo IC18
    Imprese di assicurazione Quadro IC - Sezione III Somma dei premi e altri proventi tecnici, cioè somma delle voci I.1, I.3, II.1 e II.4
    del conto economico, come da Reg. Isvap 4.04.08, n. 22
    Società in regime forfetario Quadro IC - Sezione V Somma dei ricavi delle vendite e delle prestazioni e degli altri ricavi e proventi ordinari
    come rappresentati nelle scritture contabili di cui all’art. 2214 e ss del c.c
Modello Irap Società di persone
  • Quadro IP MODELLO IRAP

    Tipo di impresaQuadro IC Modello IRAP da utilizzare

    Società di persone commerciali che non hanno optato per la determinazione dell’Irap secondo le regole delle società di capitali (art. 5-bis, D.Lgs. 446/1997)

    Quadro IP Sez. I: Rigo IP1 depurato dell’eventuale adeguamento agli studi di settore

    Società di persone esercenti attività commerciali in contabilità ordinaria che hanno optato per la determinazione dell’Irap secondo le regole delle società di capitali (art. 5, D.Lgs. 446/1997)

    Quadro IP - Sezione II: Rigo IP13 + rigo IP17

    Società la cui attività consiste nella assunzione di partecipazioni in società esercenti attività diversa da quella creditizia o finanziaria (art. 6, comma 9,D. Lgs. 446/1997)

    Quadro IP - Sezione II: Rigo IP13 + rigo IP17 + rigo IP18
    Società di persone in regime forfetario Quadro IP - Sezione III: Rigo IP47
    Società di persone esercenti attività agricola Quadro IP - Sezione IV: Rigo IP52
Altri soggetti e precisazioni
  •  

    I contribuenti che compilano più sezioni dello stesso quadro o più quadri del Modello IRAP, al fine del calcolo del fatturato per la determinazione del diritto annuale dovuto devono sommare i valori esposti nelle diverse sezioni o nei diversi quadri del modello IRAP

    Soggetti non operativi ai sensi dell’art. 30 L. 724/1994, che compilano il quadro IS Sezione IV: tale sezione non rileva ai fini della determinazione del fatturato

    Contribuenti minimi: (art. 1 commi da 96 a 117 L. 24 dicembre 2007, n. 244) devono considerare i ricavi di cui alle lettere a) e b) del comma 1 art. 85 del D.P.R. 917/1986 (TUIR) 

    Consorzi Fidi: Voce M031 del proprio conto economico (oppure M030 se adottano principi contabili internazionali)

Attenzione alle truffe: alle false telefonate e bollettini ingannevoli per pagamento Diritto Annuale 

il Diritto annuale si paga SOLO: 

  • in modalità telematica (contestualmente alla presentazione della pratica di iscrizione)
  • con F24
  • o attraverso il portale dedicato "diritto annuale - calcola e paga" 

DIFFIDATE sempre di queste iniziative, e se il bollettino vi sembra sospetto, contattate la Camera di Commercio per verificare la loro autenticità.

archiviato sotto:

Azioni sul documento

contenuto aggiornato il 07/06/2020

A CHI RIVOLGERSI

Diritto Annuale

Piano terra
PADOVA, Piazza Insurrezione XXVIII aprile '45, 1A

Orari

apertura al pubblico da lun a ven 9.00-12.30

Telefono

049.82.08.217

Fax

049.65.03.15

CALCOLA E PAGA

Utilizza il portale dedicato "Il diritto annuale camerale" 

Portale diritto annuale calcola e paga

Clicca su "Calcola e paga": inserisci il codice fiscale e il fatturato (ove richiesto) e ottieni mediatamente:

  • l'importo del diritto annuale da versare
    • -> il fac simile dell'F24 oppure
    • -> puoi pagare direttamente online (con carta di credito) tramite pagoPA, senza necessità di utilizzare il modello F24 (Faq Agid PagoPA