Rilascio autorizzazioni ai centri tecnici tachigrafi digitali

L'installazione, la riparazione, la taratura e la verifica periodica dei tachigrafi digitali possono essere eseguiti esclusivamente dai "centri tecnici" autorizzati dal Ministero dello Sviluppo Economico secondo il Decreto Ministeriale 10 agosto 2007, previa domanda alla Camera di Commercio che svolge l'esame istruttorio preventivo.

L'autorizzazione è rilasciata dal Ministero dello Sviluppo economico.

Il Ministero rilascia l'autorizzazione dopo l'accertamento del possesso di tutti i requisiti previsti dal Decreto Ministeriale 10 agosto 2007 e il relativo allegato, assegnando al centro tecnico un codice identificativo.

Possono essere autorizzati in qualità di centri tecnici:

  • i fabbricanti e i rappresentanti legali di fabbricanti extracomunitari di veicoli con impianti di produzione in Italia, sui cui veicoli vengono montati cronotachigrafi digitali;
  • i fabbricanti di carrozzerie per autobus e autocarri, nelle cui carrozzerie vengono montati tachigrafi digitali;
  • i fabbricanti e i rappresentanti legali di fabbricanti extracomunitari di tachigrafi digitali, nonché le officine concessionarie;
  • le officine di riparazione dei veicoli nel settore meccanico o elettrico (le officine presenti a Padova ricadono tutte in quest’ultima categoria).

I soggetti indicati ai precedenti punti 1 e 2, oltre a svolgere la attività di montaggio ed attivazione dei cronotachigrafi digitali installati nel corso della fabbricazione dei veicoli, possono richiedere di svolgere anche i controlli periodici, incluse la determinazione degli errori e le riparazioni. In questo caso, oltre ad essere iscritti al Registro Imprese, devono disporre di un sistema di garanzia della qualità certificato, in cui è presente l'attività di taratura e prova di strumenti di misura. L'autorizzazione ha durata di un anno ed è rinnovabile a condizione che sussistano i requisiti previsti.

Come presentare domanda di autorizzazione

I centri tecnici aventi sede nella provincia di Padova, che intendono ottenere l'autorizzazione, presentano apposita domanda in bollo al Ministero dello Sviluppo Economico depositandola all’Ufficio Metrico.

Alla domanda va allegata l'attestazione del versamento dei diritti di segreteria a favore della Camera di Commercio di Padova.

Note
I soci, i dirigenti ed il personale del centro tecnico non possono partecipare ad imprese che svolgono attività di trasporto su strada.
Detto divieto non opera nei confronti dei soci, dei dirigenti e del personale dei centri tecnici che partecipano ad imprese che svolgono attività di vendita di veicoli, cui è correlata un'attività di trasporto e di locazione senza conducente di veicoli a terzi, a condizione che il centro tecnico non svolga interventi sui veicoli di proprietà dell'impresa di vendita cui è correlata l'attività di trasporto o di noleggio. 
Il centro tecnico comunica le variazioni dei dati al Ministero dello Sviluppo Economico ed a Unioncamere tramite l’Ufficio Metrico.
Il Ministero annota le variazioni sull'autorizzazione già concessa, ovvero, a seconda delle variazioni dichiarate, invita il richiedente a presentare una nuova domanda di autorizzazione.

Per agevolare la domanda di autorizzazione dei Centri tecnici sono stati predisposti dei modelli da utilizzare nelle diverse casistiche.

Azioni sul documento

contenuto aggiornato il 17/10/2017