Cancellazione protesti riabilitati dal tribunale

Cancellazione di protesti levati a Padova per assegni (bancari e postali) e per cambiali o tratte accettate pagate oltre 12 mesi dalla data del protesto già riabilitati dal Tribunale

Per i protesti levati in provincia di Padova la domanda di cancellazione dei protesti a seguito di provvedimento di riabilitazione del Tribunale va presentata alla Camera di Commercio di Padova, che li ha pubblicati nel Registro protesti

Il Tribunale dove presentare domanda di riabilitazione dei protesti è quello competente nel luogo di residenza del debitore protestato (persona fisica o ditta individuale) o nel luogo della sede legale (impresa, associazione, ecc.), per il Tribunale di Padova consultare la pagina  [http://www.tribunale.padova.giustizia.it/it/Content/Index/13381 ]

Il Tribunale di Padova trasmette d’ufficio alla Camera di Commercio di Padova i decreti di riabilitazione dei protesti levati a Padova. 

Alla Camera di Commercio di Padova occorre presentare la seguente documentazione:

  1. domanda in bollo (€ 16,00) compilata e firmata in originale dalla persona (persona fisica) o società, associazione, ecc. protestata (chi rappresenta legalmente la società, l’ associazione, ecc. al momento della presentazione della domanda)
  2. fotocopia leggibile di un documento di riconoscimento in corso di validità di chi firma la domanda e anche dell’eventuale persona incaricata di presentarla (presentatore)  
  3. versamento dei diritti di segreteria pari a € 8 per ogni titolo protestato di cui si chiede la cancellazione. Se la domanda è consegnata all’ufficio protesti della Camera di Commercio di Padova, i diritti di segreteria si possono pagare con POS o carta di credito presso lo sportello protesti che rilascerà ricevuta di versamento, altrimenti bisognerà allegare l’attestazione originale del versamento  effettuato sul c/c postale n. 114355 intestato a Camera di Commercio Padova (causale del pagamento: 212)

IMPORTANTE
Nel caso in cui il Tribunale non abbia precedentemente inviato il provvedimento di riabilitazione direttamente alla Camera di Commercio di Padova, l’istante può, di propria iniziativa, allegare copia semplice del decreto di riabilitazione rilasciato dal Tribunale.

Solo per cambiali e tratte accettate pagate oltre i 12 mesi dalla data del protesto

In attesa che trascorra l’ anno per poter richiedere la riabilitazione al Tribunale,  si potrà presentare alla Camera di Commercio di Padova, solo per le cambiali e tratte accettate protestate in provincia di Padova e pagate oltre 12 mesi dal protesto, domanda di annotazione nel Registro protesti di avvenuto pagamento.

Pubblicità nel Registro protesti del provvedimento di riabilitazione dei protesti rilasciato dal Tribunale 
Per i protesti levati in provincia di Padova e già riabilitati dal Tribunale, la Camera di Commercio di Padova, su disposizione del Tribunale, pubblica nel Registro Protesti per almeno 10 giorni la notizia del provvedimento di riabilitazione. Successivamente potrà procedere alla cancellazione dei protesti riabilitati ove ne ricorrano le condizioni (domanda presentata dagli interessati). La data del primo giorno di pubblicazione della notizia del provvedimento di riabilitazione nel Registro protesti viene comunicata con la lettera inviata a conclusione del procedimento.

Tempi

La normativa in vigore (articolo 4 comma 3 della legge n. 77/1955) stabilisce che l’ufficio protesti ha fino a venti giorni di tempo per esaminare le domande di cancellazione per i protesti già riabilitati dal Tribunale presentate e predisporre il relativo provvedimento.

Il provvedimento potrà essere predisposto solo dopo che la Camera di Commercio avrà effettuato la pubblicità obbligatoria della notizia della riabilitazione nel Registro Protesti disposta dal Tribunale.

In caso di accoglimento della domanda di cancellazione, i protesti interessati, per i quali è già stata effettuata la pubblicità obbligatoria della notizia della riabilitazione nel Registro Protesti, saranno cancellati entro 5 giorni dalla data del provvedimento.

Azioni sul documento

contenuto aggiornato il 12/11/2019