Diritto annuale

Diritto annuale indicazioni generali

ATTENZIONE alle false telefonate per rimborsi Diritto Annuale e ai bollettini ingannevoli in arrivo

La Camera di Commercio di Padova non ha aumentato del 20% l'importo del Diritto Annuale.

Il diritto annuale è un tributo che devono versare tutte le imprese iscritte o annotate nel Registro Imprese. 

È dovuto da ogni impresa iscritta o annotata nel relativo Registro al 1° gennaio dell'anno di riferimento o che è stata iscritta o annotata per almeno un giorno nell'anno stesso. L'importo non è frazionabile in rapporto alla durata di iscrizione nell'anno.

Il mancato pagamento del diritto annuale impedisce sia il rilascio di certificati del Registro imprese - in base all’art. 24 comma 35 della L. 449/97 come modificato dall'art. 17 della L. 133/99 - sia l'applicazione della scontistica prevista per la prima emissione dei dispositivi di firma digitale
L'istituto del ravvedimento operoso consente di sanare spontaneamente la violazione di norme tributarie pagando una sanzione ridotta rispetto a quella ordinaria.

Importi e modalità di versamento

Imprese e unità locali di nuova iscrizione: le imprese e le unità locali che si iscrivono nel corso dell'anno versano il diritto annuale in misura fissa al momento dell'iscrizione.

Imprese e unità locali già esistenti: le imprese già iscritte nel Registro delle Imprese al 1° gennaio effettuano il versamento del diritto annuale in unica soluzione, in alternativa:

  • pagando online con pagoPA collegandosi al sito
  • con il modello di pagamento F24 utilizzato per il versamento delle imposte sui redditi

A chi va versato

Il tributo va versato alla Camera di Commercio di competenza. Nel caso di trasferimento di sede in altra provincia, il diritto è dovuto alla Camera di Commercio dove era ubicata la sede al 1° gennaio.
Se l'impresa è stata costituita dopo il 1° gennaio e nel corso dello stesso anno effettua il trasferimento di sede in altra provincia il diritto è dovuto solamente alla Camera di Commercio di prima iscrizione.

Cosa fare in caso di omesso / ritardato pagamento

Il ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D. Lgs. 472/97, consente di sanare spontaneamente la violazione di norme tributarie mediante il pagamento di una sanzione ridotta rispetto a quella ordinaria.

Le sanzioni per omesso/ritardato pagamento sono stabilite da apposito Regolamento camerale - sanzioni diritto annuale - allegato nei Riferimenti Normativi.

Come chiedere un rimborso

I soggetti che avessero versato un diritto annuale superiore al dovuto, che l'avessero versato per più volte nello stesso anno o a una Camera di Commercio diversa da quella di competenza possono ottenere un rimborso.

Nota bene:
Tutta la normativa in materia di diritto annuale è consultabile e portale dedicato al Diritto annuale.

archiviato sotto:

Azioni sul documento

contenuto aggiornato il 31/10/2018